subscribe: Posts | Comments

La verità sulla seduzione italiana!

La verità sulla seduzione italiana!

Da tempo volevo scrivere questo articolo:) Finalmente oggi le mie mani trovano un po’ di tempo per farlo…

Spesso abbiamo letto domande e affermazioni sulla situazione sociale italiana… Spesso abbiamo letto i luoghi comuni tipo «le italiane se la tirano» oppure «all’estero è più facile»…

Ma sarà tutto vero? Sarà falso? Come nascono questi luoghi comuni?

Vi siete mai chiesti perché quando entrate in un locale in Italia vi sembra di partecipare alla sagra della salsiccia, mentre all’est, per esempio, la situazione è opposta? Certo, generalizzo molto, c’è locale e locale anche in Italia, ma la metafora del caso medio credo sia abbastanza azzeccata.

Perché in Italia è pieno di siti il cui motto è «sposa una donna dell’est (te la troviamo noi:))», mentre all’est non ci sono siti che dicono «sposa un’italiana!»?

Perché l’uomo medio italiano è molto più sensibile e suscettibile (e bavoso!:)) davanti alla bellezza femminile rispetto alle altre nazioni?

Io credo che molto possa essere spiegato guardando semplicemente una tabella, una tabella con qualche cifra all’interno, una tabella che nessuno mai ci ha fatto vedere, nonostante questa non fosse segreta o criptata… La risposta giace lì, in quelle cifre.

Il titolo di questa tabella è «popolazione residente in Italia al 1 Gennaio 2010 per età, sesso e stato civile».

Prendiamo in considerazione i celibi e le nubili tra i 18 e i 45 (non vado oltre, ok le milf, ma le granny no!) anni… Quanti ne abbiamo in Italia?

Celibi (uomini:)) 6.718.948
Nubili (donne:)) 5.183.355

Differenza: abbiamo 1.535.593 uomini in più rispetto alle donne (oppure un milione e mezzo di donne in meno, dipende dal punto di vista:))

Riuscite a capire quanto è grande la cifra? Vi dico solo che gli abitanti di Milano sono ufficialmente 1.315.479

In Italia ci manca una piccola metropoli piena di donne… Oppure abbiamo una metropoli di soli uomini in più:) Dipende sempre da come vogliamo vedere il bicchiere: mezzo vuoto di donne o mezzo pieno di uomini:)

Bene, ora, per esempio, diamo uno sguardo alla Federazione Russa… Oddio, cosa vedo?! La popolazione femminile supera di 5.600.000 quella maschile! E in Ucraina? Si tratta quasi di 2.000.000 di donne in più rispetto agli uomini!!!

Tutto ciò cosa comporta?
- Elevata pressione sulle donne italiane che diventano più refrattarie rispetto alle colleghe estere.
- Elevata concorrenza tra gli uomini che esalta gli estremi.

Se poi andate a vedere le nascite degli ultimi 18 anni (niente minorenni eh! è solo per vedere le cifre!) la situazione non infonde particolare ottimismo:)

Aggiungeteci la TV italiana (piena di ragazze seminude anche all’ora di pranzo), il mito nevrotizzante del maschio latino, la bellezza media maschile superiore a quella media femminile (questo imho) e il quadro è completo.

Ora, la soluzione qual’è?

Qualcuno potrebbe dirvi di andare a cercare il calore umano all’estero, qualcun altro suggerisce di andare direttamente a mignotte…

Io credo che noi di ItalianSeduction abbiamo ampiamente dimostrato la possibilità di trovare emozioni e amore anche in Italia.

Sì, l’Italia non è uguale ai Paesi nordici, è diversa dagli USA, è diversa persino dalla Spagna e altri Paesi mediterranei… L’Italia è particolare, ma molti si dimenticano che le donne italiane sono pur sempre Donne! Sono sempre e comunque Donne!

Quindi l’unica soluzione per coloro che vogliono continuare a vivere in Italia e avere una vita sentimentale e sessuale soddisfacente è…

AUMENTARE IL PROPRIO VALORE! SVILUPPARSI COME PERSONE E AVERE VANTAGGI CONCORRENZIALI! DIVENTARE UNICI!

Ovvero: DIVENTARE UOMINI!

La bella notizia è che avete già a disposizione tutto ciò che vi serve!

C’è ItalianSeduction!

C’è Best Seduction Game!

C’è ONLYONE!

Sfruttate queste risorse, smettetela di omologarvi, diventate UNICI!!!

Un abbraccio, a presto!

P.S. fonti: ISTATthe world factbook

 

Discussione in merito su ItalianSeduction, la Community di Lifestyle e Seduzione n°1 in Italia!

blog comments powered by Disqus